Progetti on-line/Profili professionali

Un servizio per raccordare scuola e territorio

STUDIARE IN ::..
· Polesine >
· Italia >

LAVORARE IN POLESINE ::..
· Offerta lavoro >
· Stage e borse di studio >
· Concorsi >

SPAZIO EUROPA ::..
· Unione Europea >
· Università europee >
· Eurodesk >
· Viaggiare in Europa >

freccia(grafica) INFO LAVORO - INDIRIZZI UTILI

freccia(grafica) OSSERVATORIO

freccia(grafica) RICERCHE BIBLIOGRAFICHE

freccia(grafica) PATROCINI

freccia(grafica) LINK


Logo Unione Provincie d'Italia


Logo Provincia di Rovigo

freccia(grafica) SERVIZIO MANUTENZIONE

REGISTA MULTIMEDIALE

(fonte: Isfol)

Il Regista multimediale è il responsabile dell?ideazione e della realizzazione di un soggetto nel ?linguaggio? del prodotto multimediale, così come il Regista cinematografico lo è per la trasposizione filmica di un soggetto.
Nell?ambito dell?editoria multimediale quella del Regista è una figura chiave, la cui principale funzione è l?organizzazione multimediale ed ipertestuale dei contenuti di un determinato database. Queste due caratteristiche rappresentano infatti le peculiarità del prodotto multimediale, che lo distinguono ad esempio da un film (che ha una struttura lineare), o da un libro (che ha solo contenuti testuali o grafici).
Il Regista multimediale cura la progettazione degli aspetti strutturali e comunicativi dell?opera. Pianifica le risorse e i tempi da impiegare, coordina e controlla le fasi di realizzazione del prodotto. In concreto, il Regista multimediale interviene in tutte le fasi della realizzazione di un CD-Rom o di un DVD, che sono:
- la stesura del concept che comprende la definizione del soggetto;
- la messa a punto delle linee guida e l?individuazione del pubblico;
- il logic design dell?opera;
- la scelta del gruppo di lavoro e la definizione dei compiti di ognuno;
- il coordinamento della fase di pre-produzione, che comprende la realizzazione dei contenuti scritti, grafici, animati e sonori dell?opera;
- il controllo, durante l?assemblaggio, del funzionamento dei link attivati.
COMPETENZE
Al Regista Multimediale è richiesta, in particolare per i ?reference?, una buona conoscenza del software di programmazione ipermediale e, in generale, di tutte le altre tecnologie multimediali. Anche se non è necessario che egli sia un esperto della materia trattata, occorre tuttavia che ne afferri i rudimenti utili a rappresentarla in maniera comprensibile al pubblico. Sono inoltre indispensabili per gli ?adventure? una forte dose di inventiva e una grande creatività, per gli ?edutainment? una buona conoscenza dell?argomento e capacità didattico-divulgative, per tutti spiccate doti sia logico-analitiche che organizzative. Infine, oltre alla conoscenza dell?inglese e dell?informatica, sono necessarie doti di leadership e capacità relazionali e comunicative.
FORMAZIONE
Questa figura rappresenta il punto di arrivo di un percorso ancora poco standardizzato. Si parte con una formazione di livello universitario a carattere preferibilmente umanistico. Non è infrequente anche la laurea in architettura, che comporta un?educazione estetica e capacità di progettazione. Si prosegue con una laurea specialistica in editoria, comunicazione multimediale e giornalismo, presente in molte università italiane (vedi su http://offf.miur.it). E? possibile approdare a questa professione anche provenendo da ruoli affini, come il Progect manager informatico o il Web developer (vedi ?Informatica?), o come l?Autore di opere a carattere didattico e divulgativo, a cui può essere affidato l?incarico di curare la realizzazione di un prodotto di ?edutainment?.
CARRIERA
Anche se il Regista Multimediale è di per sé un punto di arrivo nel campo dell?editoria elettronica, non è necessariamente l?ultimo approdo di una carriera in questo settore. Un ulteriore sbocco può essere rappresentato dalla figura di Direttore Editoriale.
SITUAZIONE DI LAVORO
Il Regista Multimediale è, nella maggior parte dei casi, un libero professionista. Anche quando è un dipendente, gode comunque di un?ampia autonomia operativa e, sopratutto, creativa. Può capitare che con l?Editore si instaurino rapporti dialettici, potenzialmente conflittuali, dovuti alle funzioni di direzione e di coordinamento richieste a questa figura per la realizzazione di un?opera. Con l?Art director e gli autori scientifici, i rapporti assumono un carattere per lo più consulenziale e sono naturalmente più episodici, secondo le esigenze di ciascun progetto.
Il compenso del Regista Multimediale può variare considerevolmente in considerazione della sua esperienza, della natura del rapporto di collaborazione, delle caratteristiche dell?opera, delle condizioni operative e dei supporti da utilizzare. Ad un Regista già affermato e di provate capacità possono essere corrisposti dai 150 ai 250 euro lordi al giorno. In caso di rapporti di dipendenza, le retribuzioni lorde possono variare tra i 28.000 e i 35.000 euro annui. Più raramente il pagamento è pattuito a corpo.
TENDENZE OCCUPAZIONALI
Le prospettive future di questa figura sono inevitabilmente legate alle sorti del mercato dei prodotti multimediali, che è tuttora in costante espansione. Si ritiene pertanto che le opportunità di lavoro per il Regista Multimediale siano piuttosto positive. La presenza maschile in questo mestiere è nettamente superiore a quella femminile, anche se, di base, non esistono disparità nell?accesso alla professione.
FIGURE PROFESSIONALI PROSSIME
Secondo il tipo di prodotto realizzato, le figure più vicine si possono trovare, oltre che in quest?area, anche nell?area dell?Informatica, della New Economy e nell?area Audiovisivi, Spettacolo e Pubblicità.



Torna indietro
Credits | Contattaci | ©2007