Progetti on-line/Profili professionali

Un servizio per raccordare scuola e territorio

STUDIARE IN ::..
· Polesine >
· Italia >

LAVORARE IN POLESINE ::..
· Offerta lavoro >
· Stage e borse di studio >
· Concorsi >

SPAZIO EUROPA ::..
· Unione Europea >
· Università europee >
· Eurodesk >
· Viaggiare in Europa >

freccia(grafica) INFO LAVORO - INDIRIZZI UTILI

freccia(grafica) OSSERVATORIO

freccia(grafica) RICERCHE BIBLIOGRAFICHE

freccia(grafica) PATROCINI

freccia(grafica) LINK


Logo Unione Provincie d'Italia


Logo Provincia di Rovigo

freccia(grafica) SERVIZIO MANUTENZIONE

L'ORIENTATORE

(fonte: Isfol)

L?Orientatore ha il compito di fornire informazioni e suggerimenti in merito alle opportunità di studio, occupazione, tirocinio, stage o apprendistato per giovani (in particolare nella fase di passaggio fra scuola e mondo del lavoro) ed adulti.
L?Orientatore può essere definito anche ?operatore?, ?tecnico?, ?consulente? o ?analista? di orientamento.
L?Orientatore deve raccogliere, selezionare ed organizzare tutte le informazioni concernenti le opportunità di studio, di lavoro, di formazione professionale, di stage e tirocini, sia nell?ambito del proprio territorio che a livello nazionale ed europeo. Dopo aver accolto l?utente, l?Orientatore ha il compito di ascoltare le sue esigenze e richieste, illustrando nel contempo i servizi disponibili. Deve quindi analizzare i suoi bisogni, individuare il percorso più consono alle sue necessità, fornendogli gli strumenti pratici per aiutarlo, che vanno dalle schede informative alle tecniche di ricerca del lavoro e così via. Attraverso il ?Bilancio delle competenze?, egli riassume il percorso effettuato, per ricercare i punti di forza e le aree di miglioramento. Stabilita una meta, l?Orientatore segue l?utente, sostenendolo con suggerimenti personalizzati e partecipando ad incontri per analizzare i risultati ottenuti.
COMPETENZE
L?Orientatore deve possedere competenze generali (in economia, diritto, comunicazione, informatica, formazione, educazione, psicologia, sociologia, pubbliche relazioni, politiche di sviluppo) e competenze specifiche (conoscenza degli ordinamenti scolastici, del sistema di istruzione e formazione sia pubblico che privato, del mercato del lavoro, delle forme contrattuali, degli incentivi all?occupazione, dell?incontro tra domanda e offerta di lavoro e così via).
L?Orientatore deve comprendere e motivare le persone sia a livello individuale che di gruppo. Deve essere in grado di monitorare il perseguimento dell?obiettivo orientativo ed accompagnare la realizzazione del progetto, verificandone tutte le fasi fino alla conclusione del percorso. Deve quindi saper predisporre griglie di valutazione, eventuali sistemi correttivi ed avere buone competenze informatiche. Capacità relazionali, abilità nel comunicare e trasmettere le informazioni, tenendo conto dei diversi target di utenza, completano il profilo.
FORMAZIONE
Per diventare Orientatore è utile avere una laurea in Scienze dell?Educazione, della Formazione o in Psicologia e frequentare successivamente un corso di formazione di II livello eventualmente proposto dalla propria regione oppure una laurea specialistica o un Master per Orientatori, offerto da alcuni atenei italiani, come ad esempio quelli di Padova, Roma e Milano Cattolica. Di conseguenza, coloro che operano attualmente nell?area dell?orientamento hanno i più diversi titoli di studio o qualifiche professionali: psicologi, insegnanti, assistenti sociali. Stabilire standard comuni, sia per la creazione di un percorso formativo specifico e valido a livello europeo, che come sistema di riferimento per le attività, è ormai una priorità assoluta, sostenuta da numerosi enti e dalle associazioni del settore.
CARRIERA
La carriera di un Orientatore può svilupparsi soprattutto nei centri di orientamento, nei centri per l?impiego, nella scuola e nelle università, oppure come libero professionista, fornendo consulenze sia a clienti privati che ad aziende. Inoltre può svolgere attività formativa nei confronti degli aspiranti orientatori.
SITUAZIONE DI LAVORO
L?Orientatore può essere un dipendente di enti ed istituti, preposti a vario titolo ad erogare servizi di orientamento oppure, meno frequentemente, è un libero professionista che interviene su richiesta. La sua presenza è indispensabile nei centri di orientamento sia pubblici che privati, come ad esempio gli informagiovani, nei centri per l?impiego, nelle agenzie del lavoro, nelle università e in tutte quelle strutture che offrono servizi di orientamento, anche nell?ambito di progetti del Fondo Sociale Europeo. Normalmente questa figura deve rispettare un orario d?ufficio, stabilito in base alle ore di apertura al pubblico. La sua funzione prevede la possibilità di: accompagnare gli utenti presso enti ed aziende; organizzare percorsi informativi presso scuole, università e uffici; gestire gruppi di utenti presso varie strutture.
Per chi svolge quest?attività a tempo pieno come dipendente di una struttura pubblica, i compensi lordi annui partono da un minimo di circa 18 mila euro fino ad arrivare a 26 mila euro ed oltre. Naturalmente, nell?ambito del privato o nell?esercizio della libera professione, i compensi possono variare notevolmente.
TENDENZE OCCUPAZIONALI
È prevedibile una tendenza alla crescita delle opportunità di lavoro per questa figura, tuttavia non è facile prevederne né l?entità né la dislocazione. Attualmente sono alcune migliaia le persone impegnate in attività di orientamento presso enti ed agenzie, come i centri per l?impiego, i centri d?orientamento, gli informagiovani e le agenzie del lavoro sia pubbliche che private, per cui la domanda aggiuntiva per questo profilo è nell?ordine di poche centinaia di unità. 
FIGURE PROFESSIONALI PROSSIME
Il Tutor è la figura più vicina a quella dell?Orientatore.



Torna indietro
Credits | Contattaci | ©2007