Archivio news

Un servizio per raccordare scuola e territorio

STUDIARE IN ::..
· Polesine >
· Italia >

LAVORARE IN POLESINE ::..
· Offerta lavoro >
· Stage e borse di studio >
· Concorsi >

SPAZIO EUROPA ::..
· Unione Europea >
· Università europee >
· Eurodesk >
· Viaggiare in Europa >

freccia(grafica) INFO LAVORO - INDIRIZZI UTILI

freccia(grafica) OSSERVATORIO

freccia(grafica) RICERCHE BIBLIOGRAFICHE

freccia(grafica) PATROCINI

freccia(grafica) LINK


Logo Unione Provincie d'Italia


Logo Provincia di Rovigo

freccia(grafica) SERVIZIO MANUTENZIONE

02/04/2010 - SICUREZZA: NUOVI INVESTIMENTI, MA TROPPE SCUOLE A RISCHIO

Presentato il rapporto di Legambiente per il 2007 alla presenza del Ministro Fioroni. Il 66% degli istituti italiani non ha il certificato antincendio e il 38% quello di agibilità.

(fonte: la Repubblica - Scuola & Giovani.it)




Gli alunni italiani frequentano scuole piene di pericoli. E sulle cosiddette "pratiche ecocompatibili" gli istituti del Paese restano agli ultimi posti nelle classifiche internazionali. E' quanto emerge dal rapporto di Legambiente dal titolo "Ecosistema Scuola 2007", presentato oggi a Roma dal presidente dell'associazione ambientalista, Roberto Della Seta, alla presenza del ministro della Pubblica istruzione, Giuseppe Fioroni. Ma rispetto al 2005 qualcosa si muove: con la sua prima Finanziaria, il governo Prodi ha stanziato 250 milioni per adeguare gli edifici scolastici e ha rilanciato l'uso del fotovoltaico come fonte di energia alternativa anche per le scuole.

Gli oltre sette milioni e mezzo di alunni e il milione di insegnanti e non docenti che frequentano la scuola ogni giorno continuano a correre mille pericoli. Gli edifici sono vecchi, bisognosi di manutenzione e spesso in contesti inquinati. Quanto basta per affermare che non è possibile abbassare la guardia. La città taliana con le scuole migliori, dal punto di vista della sicurezza degli immobili e della qualità dei servizi offerti agli studenti, è Prato.

La situazione. In generale il patrimonio immobiliare delle scuole italiane - si legge nel dossier elaborato attraverso le informazioni inviate da 33 province e 87 comuni - è vecchio: il 54 per cento degli edifici è stato costruito prima del 1974, oltre uno su tre ha urgente bisogno di interventi di manutenzione straordinaria, il 66 per cento non ha il certificato di prevenzione incendi e il 38 per cento non possiede quello di agibilità. Il che significa che più del  50 per cento delle scuole è esposto a rischio. Dati sufficienti per definire la situazione preoccupante. In più con si registrano significativi cambiamenti in merito all'esposizione delle scuole a fonti di inquinamento. A titolo di esempio basti dire che sono 14 su 100 i casi (certificati o sospetti) in cui "sono presenti strutture con amianto". E ancora troppe le scuole vicine ad aree industriali, antenne radio-tv e cavi dell'alta tensione o che restano prive di strutture per lo sport (il 12 per cento). Stanno meglio gli alunni che frequentano le scuole dell'obbligo rispetto ai compagni di licei, istituti tecnici e professionali.

Le note positive. I miglioramenti più tosi emergono dalle pratiche ecocompatibili: quelle che possono essere messe in pratica dagli stessi dirigenti scolastici, insegnanti e bidelli. Negli oltre 6 mila edifici indagati dallo studio risulta in crescita l'utilizzo di fonti di illuminazione a basso consumo (46 per cento) e l'uso di energia rinnovabile. Si registrano progressi anche per la raccolta differenziata di carta, pile, plastica, vetro, alluminio, materiale organico e toner.

Promossi e bocciati. Nella classifica generale, oltre Prato, raggiungono livelli d'eccellenza Asti, Parma, Bergamo, Biella, Forlì, Livorno, Macerata e Siena. Agli ultimi posti troviamo Piacenza, Rieti, Benevento, Crotone e Catania. Tra le grandi città Milano conquista l'11° posto, seguita da Roma al 16° e da Torino al 36°. Napoli, Venezia e Bologna vengono bocciate per non aver inviato alcun dato.

I commenti. "Lo stanziamento in Finanziaria per il prossimo triennio è una novità importante come pure il "patto di sicurezza" previsto tra Stato, regioni ed enti locali - dice Della Seta - Con il piano messo a punto dal ministero delle Attività produttive, in accordo col ministero della Pubblica istruzione, d'ora in poi, anche le scuole potranno beneficiare di incentivi e sgravi fiscali per l'installazione di impianti fotovoltaici". Risulta invece preoccupante la staticità della situazione in campo energetico - spiega Vittorio Cogliati Dezza, responsabile nazionale Scuola e Formazione di Legambiente - che vede le scuole italiane al palo da diversi anni. Non si registrano infatti passi avanti nell'utilizzo di fonti rinnovabili, mentre qualche azione in più è stata fatta sul fronte del risparmio. Occorre un maggiore impegno per sviluppare queste buone pratiche e, visti i nuovi incentivi, ora ci aspettiamo che qualcosa cambia davvero, che le scuole non siano più luoghi di spreco, ma funzionino da esempio e modello per tutto il territorio".

Visualizza la sintesi del rapporto di Legambiente

 




Torna indietro
Credits | Contattaci | ©2007